Regolamento del Fondo di Previdenza Generale

ART. 4
(Contributo obbligatorio ridotto)

1. Gli iscritti al Fondo che contribuiscono anche ad altre forme di previdenza obbligatoria, ivi compresi i Fondi Speciali gestiti dall’E.N.P.A.M. ai sensi dell’art. 5, comma 1, dello Statuto di cui all’art.1, del presente Regolamento, ovvero siano già titolari di un trattamento pensionistico obbligatorio, sono tenuti ad effettuare i versamenti contributivi nella misura di cui al precedente art. 3, comma 1. I predetti iscritti possono chiedere di essere ammessi a contribuzione obbligatoria ridotta nella misura pro tempore indicata nell’allegata Tabella A per il reddito professionale eccedente quello corrispondente al contributo minimo obbligatorio effettivamente versato ai sensi del precedente art. 3, comma 3, fino al limite di cui al comma 1 di tale articolo, indicizzato secondo i criteri di cui al predetto art. 3, comma 8, e dell’1% per tutto il reddito eccedente il suddetto ammontare. Possono, altresì, accedere al contributo obbligatorio ridotto anche i partecipanti ai corsi di formazione specifica in medicina generale.

2. L’istanza di ammissione alla contribuzione obbligatoria ridotta di cui al comma 1, redatta su apposito modulo predisposto dall’Ente, deve essere consegnata o inviata a mezzo raccomandata all’E.N.P.A.M. entro il termine di cui all’art. 3, comma 5 del presente Regolamento. La predetta istanza, per i soggetti non iscritti ai Fondi Speciali gestiti dall’E.N.P.A.M., dovrà essere corredata da idonea documentazione attestante la continuità del rapporto di lavoro soggetto ad altra forma di previdenza obbligatoria, oppure corredata della certificazione comprovante il possesso di un trattamento obbligatorio di pensione. In difetto, tale documentazione dovrà essere prodotta entro il termine fissato dall’E.N.P.A.M.. Qualora l’istanza venga presentata dopo il termine fissato, essa si intenderà riferita ai redditi denunciati per l’annualità immediatamente successiva.

3. La contribuzione ridotta si applica sui redditi prodotti a partire dall’anno precedente l’istanza di cui al comma 2 del presente articolo. L’iscritto che contribuisce in misura ridotta può chiedere, nei termini di cui al suddetto comma, di versare il contributo in misura intera; tale opzione è irrevocabile. Il diritto alla contribuzione ridotta decade al venir meno delle condizioni che lo hanno determinato. L’iscritto può peraltro presentare una nuova domanda qualora torni in possesso dei requisiti di cui al comma precedente. In caso di passaggio dell’iscritto dallo status di lavoratore subordinato, ovvero convenzionato, a quello di pensionato da altre gestioni previdenziali obbligatorie, si presume la volontà di
proseguire nel versamento della contribuzione in forma ridotta; l’iscritto, tuttavia, conserva la facoltà di richiedere con apposita domanda la riammissione al versamento dell’intero contributo di cui all’art. 3, comma 1. L’Ente si riserva di accertare la permanenza delle condizioni che danno diritto alla contribuzione ridotta.

4. I pensionati del Fondo, se titolari di compensi appartenenti alle tipologie di cui al precedente art. 3, comma 2, conservano l’iscrizione al Fondo. Essi sono tenuti al versamento del contributo previdenziale in misura pari al 50% della contribuzione ordinaria pro tempore vigente indicata all’allegata Tabella A, salva espressa opzione per il pagamento nella misura intera, da effettuarsi entro il termine di cui all’art. 3, comma 5.

Torna all'indice | « Pagina precedente Pagina successiva »