Università: Sileri, mantenere il numero chiuso a Medicina

“Garantire più posti per le specializzazioni”

“Il problema non e’ il numero chiuso all’ingresso alla facoltà di Medicina ma il numero di medici specialisti. È l’imbuto formativo che genera il problema. Noi abbiamo laureati in medicina che purtroppo, dopo la laurea, rimangono fuori dalla specializzazione perché il numero dei posti non è sufficiente e non copre alcune branche”.

Lo ha detto il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, a margine del convegno organizzato da Cittadinanzattiva e dalla Fnomceo nella sede di Confcooperative, a Roma.

“Sarà necessario aumentare quei posti, cioè formare quanti più ragazzi possibili in possesso di una laurea e immettendoli nel mercato, garantendo anche un ingresso nel mercato del lavoro in anticipo come già abbiamo fatto lo scorso anno”, ha aggiunto.

“Fare il numero aperto a medicina a mio avviso creerebbe non pochi problemi. Aumentare un po’ i posti sì, ma il numero chiuso è importante anche per regolare il mercato del lavoro successivo. Servono borse, credo che il prossimo anno ne serviranno di più considerando che c’è stato un ricorso nel 2013 per cui ci saranno alcune migliaia di neolaureati che avranno possibilità di accesso alle scuole di specializzazione”.

(Ansa)

Y33-BR
18-SET-19 18:49 NNNN

data pubblicazione : 18/09/2019