Bilancio 2015 di stabilità

01_14371165017_61ce2e1f7f_oLe previsioni per il prossimo anno annunciano un consolidamento dei conti e un’ulteriore crescita del patrimonio.

Un avanzo economico di 958 milioni, un saldo previdenziale stabile e una gestione patrimoniale che accresce il suo apporto alle casse della Fondazione. È la fotografia dell’Enpam contenuta nel Bilancio di previsione 2015.

La gestione previdenziale del prossimo anno dovrebbe concludersi per la Fondazione con un saldo positivo netto di 809 milioni di euro.

Sul versante contributivo l’Enpam prevede ricavi per 2,27 miliardi di euro (a fronte dei 2,21 stimati per quest’anno).

Prevista una crescita della spesa per le prestazioni previdenziali e assistenziali che, in conseguenza di una platea di pensionati sempre più numerosa, dovrebbe toccare quota 1,460 miliardi (1,380 miliardi nel preconsuntivo 2014). Un incremento tuttavia limitato in virtù del meccanismo contenuto nell’ultima riforma delle pensioni che ha ampliato la platea dei contribuenti stabilendo il graduale innalzamento, a partire dal 2013 e sino al 2018, dei requisiti anagrafici per accedere ai trattamenti pensionistici.

Tra le misure per garantire la sostenibilità del sistema previdenziale per 50 anni vi è anche l’aumento tra mezzo punto e un punto percentuale delle aliquote contributive per il Fondo dei medici di medicina generale, per il Fondo degli ambulatoriali e la Quota B dei liberi professionisti, il cui tetto reddituale sul quale viene conteggiato il contributo ordinario, viene adeguato a quello previsto per l’Inps.

PATRIMONIO

Dalla gestione patrimoniale e finanziaria si attende un introito di 388 milioni di euro lordi. Il risultato, in accordo ai criteri prudenziali che regolano la compilazione del bilancio, non tiene conto dell’andamento del mercato, delle prese di valore o delle eventuali svalutazioni, fissando una redditività del patrimonio pari al tasso minimo usato per le proiezioni attuariali (2%).

Ogni euro in più (si veda il box nella pagina per quanto riguarda gli investimenti finanziari), andrà ad aggiungersi a un patrimonio che al 30 agosto di quest’anno sfiorava i 17 miliardi.

ASSISTENZA

Nel 2015 verrà inoltre attivato il servizio di erogazione di mutui ipotecari per l’acquisto della prima casa a medici e odontoiatri, per i quali sono stati appostati 100 milioni a Bilancio, e sarà implementata lapolizza sanitaria integrativa per gli iscritti e i loro familiari.

Tra le novità del documento previsionale collegate all’approvazione di una nuova regolamentazione dei Fondi, c’è anche quella relativa alla Quota A. Il contributo al Fondo generale è attualmente oggetto di un’ipotesi di riduzione e della contestuale destinazione di una parte a finalità di assistenza strategica.

Gli interventi sarebbero rivolti, da un lato, a dare maggiore tutela agli iscritti non autosufficienti e, dall’altro, a favorire la crescita e la protezione dell’attività professionale.

RAPPORTO CON GLI ORDINI

Per il 2015 è inoltre previsto un consolidamento del rapporto con gli Ordini, che il nuovo Statuto valorizza come antenne dell’Enpam sul territorio.

In particolare, per incrementare la sinergia con gli organi territoriali e facilitare gli iscritti, verrà attivato  un servizio di informazione previdenziale online che si affiancherà ai più consueti convegni a cui intervengono i funzionari della Fondazione.

@FondazioneEnpam

data pubblicazione : 11/12/2014