La Fondazione, ha aggiornato il proprio codice etico.

La nuova stesura rappresenta un aggiornamento rispetto alla prima versione del 2008.

Il testo si adegua alla legislazione nazionale anticorruzione, approvata dal Parlamento a fine 2012. Sono stati quindi approfonditi argomenti come il riciclaggio, l’integrità morale dei fornitori e dei collaboratori, i protocolli di legalità e i patti di integrità. I destinatari del codice etico avranno il dovere di applicarne i principi.

Il Comitato per il controllo interno (struttura esterna e indipendente rispetto alla Fondazione, attualmente presieduta da un magistrato della Corte dei conti) avrà il compito di occuparsi della fase di monitoraggio e di attuazione del nuovo codice e potrà utilizzare specifiche iniziative di formazione e informazione sulla materia.

I componenti del Consiglio di amministrazione dell’Enpam, i dipendenti e i dirigenti dovranno dichiarare di aver ricevuto il nuovo codice e di averlo letto e condiviso in ogni sua parte.

Saranno vincolati al nuovo codice anche i fornitori e i collaboratori della Fondazione e il personale della società controllata Enpam Real Estate.

Clicca qui per scaricare il nuovo codice etico