Contributo volontario

Per coprire i periodi privi di contribuzione per eventi collegati alla genitorialità (gravidanza, adozione/affidamento, interruzione di gravidanza) è possibile fare dei versamenti volontari.

I versamenti servono per non perdere periodi utili ai fini dell’anzianità contributiva con effetti anche sull’importo dell’assegno di pensione.

 

Requisiti

Quando fare domanda

Casi particolari

Modulo

Contatti

Riferimenti normativi

 

 

 

Requisiti

Possono fare domanda di versamenti volontari tutte le professioniste iscritte all’Ordine che:

  • non hanno presentato domanda di pensione ordinaria o di invalidità permanente;
  • hanno sospeso totalmente l’attività professionale per eventi collegati alla genitorialità (maternità, gravidanza a rischio, aborto, affidamento, adozione) successivi al 13 febbraio 2017.

[torna in alto]

 

Quando fare domanda

La richiesta va inviata entro e non oltre la data di presentazione della domanda di pensione.

[torna in alto]

 

Casi particolari

1) Possono fare domanda anche i papà?

I padri medici e odontoiatri possono fare domanda solo nel caso in cui la madre è deceduta o è gravemente malata, oppure se la madre ha abbandonato il minore o è il padre ad averne l’affidamento esclusivo.

[torna in alto]

 

 

Modulo

Domanda di contribuzione volontaria (per gravidanza, adozione, affidamento)

 

[torna in alto]

 

 

 

Contatti

SAT – Servizio Accoglienza Telefonica
tel. 06 4829 4829 – fax 06 4829 4444 – email sat@enpam.it
(nei fax e nelle email indicare sempre i recapiti telefonici)
orari: dal lunedì al giovedì ore 9,00-13,00 e dalle 14.30 alle 17.00
venerdì ore 9,00-13,00

Per incontrare di persona i funzionari:
Ufficio accoglienza e relazioni con il pubblico
Piazza Vittorio Emanuele II, n. 78 – Roma
orari: lunedì – giovedì: 9,00-13,00; 14,30-17,00; venerdì: 9,00-13,00

Ordini provinciali dei medici e degli odontoiatri
Consultare l’elenco degli Ordini presenti sul territorio in questa sezione

[torna in alto]

 

 

 

Riferimenti normativi

Regolamento Enpam a tutela delle genitorialità (articolo 9, capo 3°).

[torna in alto]