SANITA’: LA DIETA MEDITERRANEA ARRIVA IN OSPEDALE, MEDICI FORMATORI A PALERMO

(Adnkronos) – Una migliore qualità nutritiva nella ristorazione ospedaliera. Medici e operatori dell’azienda Villa Sofia-Cervello di Palermo diventeranno a breve formatori accreditati ed ambasciatori di un corretto modello di alimentazione all’interno delle due strutture sanitarie, primo concreto atto di indirizzo verso l’Unità operativa di educazione sanitaria, prevista da un decreto assessoriale del 2012, che l’azienda si avvia a costituire.
Villa Sofia-Cervello è, infatti, partner del progetto Fed (Formazione, educazione e dieta mediterranea) promosso dall’assessorato regionale alla Salute (Dasoe – Dipartimento per le attività sanitarie e osservatorio epidemiologico), con gli assessorati all’Agricoltura e all’Istruzione, organizzato per la parte formativa dal Cefpas di Caltanissetta (centro per la formazione permanente e l’aggiornamento del personale del servizio sanitario), e indirizzato ad operatori della sanità, del mondo della scuola e del settore agronomico.

Il progetto punta a creare un modello omogeneo di stile alimentare con l’introduzione della dieta mediterranea come strumento di prevenzione primaria per le patologie metaboliche,cronico-degenerative e tumorali, ed elevare la qualità del cibo all’interno degli ospedali siciliani. La Sicilia risulta, infatti, fra le regioni italiane dove è più elevato il fenomeno della malnutrizione a carico di soggetti lungodegenti, soprattutto anziani, durante i ricoveri ospedalieri, a causa di una errata alimentazione sia quantitativa che qualitativa.

Il nuovo modello dovrà poi portare anche ad introdurre laprescrizione, oltre a quella terapeutica, di un corretto regimealimentare e di orientamento verso uno stile di vite salutare che ipazienti dovranno seguire una volta dimessi. Il progetto Fed mira quindi a segnare un’inversione di tendenza per la ristorazione ospedaliera, partendo innanzitutto da una fase formativa che si è chiusa con la formazione d’aula dei primi cento operatori provenienti,per quanto riguarda la sanità, da tutte le Aziende ospedaliere e Asp siciliane.
(Loc/Ct/Adnkronos)13-GIU-14 14:01