Flash mob giovani medici a partire da Roma. Protesta punta i riflettori su problemi professione e formazione

(ANSA) – Adeguata programmazione del fabbisogno di medici, di specialisti e di altri professionisti sanitari, a Medicina e Chirurgia basato su numero programmato, criteri oggettivi e meritocratici, piu’ fondi per la formazione post laurea ed indizione di un concorso in tempi rapidi e certi, sblocco del turn-over immediato e valorizzazione dei giovani professionisti della Salute, nessuna deroga alla qualita’ della formazione post laurea, con i medici specializzandi che non vanno intesi come tappabuchi delle mancanze di organico.

Ecco le richieste dei giovani medici e di altre giovani figure professionali della sanita’, che oggi con un flash mob in diverse citta’ italiane tra cui Roma hanno dato il via alla campagna “SvoltiAmolasanita’”. La campagna, spiega il presidente della Sigm (Associazione italiana giovani medici) Walter Mazzucco “proseguira’ anche questo pomeriggio a partire dalle 16 con un altro flash-mob davanti il Miur per chiedere un concorso in tempi rapidi e con un regolamento certo”.

Dai giovani medici anche delle prescrizioni al Governo: si all’incremento dei finanziamenti per l’accesso al post laurea di area sanitaria, si all’accesso programmato a Medicina, si alla semplificazione del sistema della rappresentanza Professionale ed al suffragio universale per l’elezione degli organi di Governo degli Enti di riferimento per la Professione Medica, si al superamento del precariato medico, si al merito ed alla trasparenza per l’accesso a tutti i ruoli del SSN e per la progressione di carriera, si alla Depenalizzazione dell’atto medico, no alla Medicina difensiva.

Si’ alla trasparenze, no alle strumentalizzazioni sulla salute dei cittadini, si ad una formazione post laurea di Medicina Generale competitiva in Europa.

(ANSA). Y09 03-GIU-14 15:39