Vademecum della Previdenza ENPAM

Fondo di Previdenza Generale – Contributi

 

Contributi di riscatto “Quota A”

Riscatto di allineamento

(Art. 3, comma 3; art. 10, commi 2, 5 e 6)

Istituto soppresso dall’1.1.2013

Finalità

Allineamento degli anni di attività nei quali i relativi versamenti risultano di importo inferiore al contributo previsto per gli ultraquarantenni.

Modalità di versamento

Il riscatto avviene mediante versamento di un contributo pari alla riserva matematica, necessaria per la copertura assicurativa dell’incremento pensionistico conseguibile con il riscatto medesimo.Il pagamento può essere effettuato:

  • in unica soluzione ovvero in rate semestrali.

Il pagamento rateale avviene in un numero di anni non superiore a quelli da riscattare aumentati del 50% con una maggiorazione pari all’interesse legale pro tempore vigente in ragione d’anno  (0,1% dall’1.1.2017).

Ai fini del calcolo della pensione si tiene conto esclusivamente dei contributi versati.Il mancato pagamento o il mancato inizio dei versamenti rateali nel termine indicato dall’E.N.P.A.M. comportano la rinuncia al riscatto.

Note

I contributi versati a titolo di riscatto sono interamente deducibili dall’imponibile IRPEF  (D.Lgs. 18 febbraio 2000, n. 47).

In caso di inabilità o decesso prima del completamento del versamento rateale, il riscatto per l’allineamento dei contributi viene considerato come interamente effettuato. Il debito residuo, senza interessi, viene trattenuto sulle prestazioni in misura non superiore al 20% del loro importo, sino ad estinzione.

Qualora nessun versamento sia stato effettuato a titolo di riscatto:

  • in caso di decesso dell’iscritto, i superstiti possono rinunciare al riscatto medesimo all’atto della presentazione della domanda di pensione;
  • l’iscritto riconosciuto inabile può rinunciare al riscatto medesimo, entro 60 giorni dall’accoglimento della domanda di inabilità.
Torna all'indice | « Pagina precedente Pagina successiva »