Vademecum della Previdenza ENPAM

Regolamento Enpam a tutela della genitorialità

Indennità di maternità, adozione e affidamento a scopo di adozione

Requisiti

Nascita di un figlio, adozione o affidamento a scopo di adozione da parte di Sanitarie libere professioniste in costanza di iscrizione all’Albo professionale.

Domanda da presentarsi a partire dalla 26° settimana di gravidanza ed entro il termine perentorio di 180 gg. dal parto (o dell’ingresso in famiglia del bambino).

L’indennità spetta al padre in caso di morte o grave infermità della madre, abbandono del figlio da parte della madre, affidamento esclusivo del figlio al padre.

Periodo tutelato

L’indennità di maternità copre i due mesi precedenti la data dell’evento ed i tre mesi successivi alla stessa.

In caso di adozione nazionale e internazionale spetta per un periodo massimo di cinque mesi.

Nel caso di affidamento di minore l’indennità spetta per un periodo massimo di tre mesi.

Determinazione della Prestazione

L’indennità è pari all’80% di cinque dodicesimi del reddito professionale percepito e denunciato ai fini fiscali ed imponibile presso l’Enpam nel secondo anno precedente a quello dell’evento.

L’indennità come sopra determinata – non può essere inferiore a 5 mensilità di retribuzione calcolata nella misura dell’80% del salario minimo giornaliero stabilito dall’art. 1 del D.L. 1981/402, convertito con modificazioni in L. 537/1981, e non può essere superiore a 5 volte l’importo minimo come sopra determinato. Per il 2019, l’indennità minima lorda è pari ad  € 5.068,57, l’indennità massima ad € 25.342,85.

Per l’anno 2019 qualora il reddito imponibile presso l’Enpam sopra citato sia inferiore a € 18.198 (importo annualmente rivalutato), l’Ente provvede ad erogare un ulteriore prestazione pari a € 1.011 annualmente indicizzati.

Torna all'indice | « Pagina precedente Pagina successiva »