Regolamento del Fondo della Medicina Convenzionata e Accreditata

ART. 27
(Requisiti pensione di vecchiaia)

1. Il trattamento ordinario di vecchiaia compete all’iscritto che:

  1. abbia compiuto l’età anagrafica pro tempore vigente indicata nella Tabella A allegata al presente Regolamento;
  2. abbia cessato l’attività professionale di cui al precedente art. 2.

Per gli iscritti alla gestione previdenziale degli specialisti esterni, è considerata come cessazione dell’attività professionale anche la trasformazione della titolarità della convenzione di persona fisica in accreditamento di associazione professionale o società in qualunque forma costituita ovvero il trasferimento dell’accreditamento a diversa società.

2. Per gli iscritti transitati alla dipendenza, il trattamento ordinario di vecchiaia compete al professionista che:

  1. abbia cessato il rapporto di impiego e non abbia ripreso senza soluzione di continuità l’attività professionale di cui al precedente art. 2;
  2. abbia compiuto l’età anagrafica indicata pro tempore nell’allegata Tabella A.

All’iscritto che, in base alla normativa vigente per i dirigenti medici e del ruolo sanitario del S.S.N., non possa permanere in servizio fino al raggiungimento del requisito anagrafico pro tempore vigente di cui alla Tabella A, spetta, alla cessazione del rapporto di impiego, il trattamento ordinario determinato senza l’applicazione dei coefficienti di adeguamento all’aspettativa di vita, di cui all’allegata Tabella E.

Torna all'indice | « Pagina precedente Pagina successiva »