Ricerca di Mercato OICR

La Fondazione Enpam sta cercando sul mercato potenziali opportunità di sottoscrizione di quote di OICR (Organismi di investimento collettivo del risparmio).

Gli OICR possono essere chiusi o aperti, alternativi (FIA), italiani o esteri.

Con questa ricerca la Fondazione non si assume alcun obbligo di proseguire nella valutazione delle proposte, né si impegna a investire negli strumenti finanziari presentati.

 

Obiettivi

Questa  ricerca, a carattere permanente, si prefigge di:

  • garantire la massima pubblicità per assicurare il più ampio acceso alle informazioni di mercato disponibili;
  • ottenere la più proficua partecipazione da parte dei soggetti interessati;
  • conoscere le caratteristiche qualitative, quantitative e tecniche dei prodotti di investimento potenzialmente di interesse per la Fondazione.

 

Procedura e adempimenti

La strategia dei fondi deve essere coerente con l’Asset allocation strategica della Fondazione, che è pubblicata qui.

Per ogni fondo che si vuole sottoporre all’attenzione della Fondazione, la società di gestione deve compilare la ʻScheda fondoʼ che si può scaricare da qui (attenzione: la scheda deve essere compilata in ogni sua parte ed inviata in formato .xlsx)

Se la proposta da parte di una stessa società riguarda più fondi, la scheda va compilata per ciascuno di essi.

 

Documenti da allegare

Ad ogni ʻScheda fondoʼ dovranno essere allegati i seguenti documenti:

  • le ʻAttestazioni preliminariʼ, che devono essere compilate in formato Adobe Acrobat .pdf su carta intestata della società, rigorosamente in base al modello che si può scaricare da qui (attenzione: il modello non deve essere modificato in alcuna parte);
  • il prospetto o private placement memorandum;
  • una copia del regolamento del fondo;
  • eventuale ulteriore documentazione disponibile (per esempio: le schede di sintesi dell’operazione con strategie e punti di forza).

 

 Come inviare la proposta

La ʻScheda fondoʼ con le ʻAttestazioni preliminariʼ e gli allegati dovranno essere inviati per email a:

All’invio della proposta si riceverà in automatico un’email di conferma da parte della Fondazione Enpam.

La Fondazione verificherà la completa e corretta compilazione dei documenti richiesti (ʻScheda fondoʼ e ʻAttestazioni preliminariʼ).

Se i documenti saranno difformi dalle istruzioni, l’Enpam si riserva di non prenderli in considerazione, o di chiedere eventuali chiarimenti, integrazioni o modifiche.

In ogni caso, la Fondazione non riconoscerà alcun onorario né rimborserà spese o costi che la società di gestione del fondo dovesse sostenere nel presentare le informazioni e i documenti necessari.

Qualora la Fondazione ritenga di approfondire una o più opportunità, potrà chiedere alla società interessata ulteriore documentazione, senza che ciò possa in alcun modo costituire un impegno per la Fondazione. Le eventuali spese sono a carico della società di gestione.

La Fondazione potrà anche valutare la possibilità di richiedere proposte migliorative rispetto a quanto ricevuto. Le richieste potranno riguardare, ad esempio (ma non solo), il livello delle management fee e/o la struttura di governance della società di gestione.

Presentando le opportunità di investimento, le società interessate prendono atto e accettano che la Fondazione si riserva di non dare seguito e/o di interrompere in qualsiasi momento e a proprio insindacabile giudizio il processo di valutazione, senza che ciò possa determinare per la Fondazione alcuna forma di responsabilità risarcitoria e/o obbligo di rimborso e/o remunerazione nei confronti degli interessati e/o di terzi.

La Fondazione Enpam si impegna fin d’ora per conto proprio e dei propri amministratori, dirigenti e dipendenti a:

  • considerare tutte le informazioni riservate rese disponibili dall’interessato strettamente private e confidenziali (pur riservandosi di rivelarle nel caso in cui sia imposto da norme imperative o da provvedimenti giurisdizionali o amministrativi);
  • utilizzare le informazioni riservate di cui viene a conoscenza – anche con l’ausilio dei propri consulenti – solo nella misura strettamente necessaria allo svolgimento delle proprie attività connesse alle valutazioni preordinate all’eventuale sottoscrizione o acquisto di quote del fondo;
  • limitare la conoscenza delle informazioni riservate solo al personale che è autorizzato ad usarle.

I dati personali delle società interessate verranno trattate in conformità alle disposizioni del decreto legislativo n. 196 del 30 giugno 2013.

In particolare, tali dati saranno trattati esclusivamente ai fini della valutazione di ciascun singolo fondo e non verranno comunicati né diffusi.

Il titolare del trattamento è la Fondazione Enpam, nei confronti della quale l’interessato potrà far valere i diritti previsti dall’art. 7 del citato decreto.

 

data pubblicazione 28/11/2017