Vantaggi fiscali con i riscatti

E’ in scadenza la seconda rata semestrale dei riscatti. Ma anche chi non ha ancora ricevuto una proposta di riscatto può fare dei versamenti per usufruire della deducibilità.


RISCATTI IN CORSO

La seconda rata semestrale dei riscatti scade il 31 dicembre 2012. Chi non avesse ricevuto il bollettino Mav può scaricare un duplicato dall’area riservata del sito Internet dell’Enpam.

In alternativa si può richiedere la copia del Mav telefonando al numero verde della Banca popolare di Sondrio 800 248464.Il duplicato potrà essere usato per il versamento solo presso gli istituti bancari o per via telematica utilizzando le procedure di pagamento online.


ACCONTI

Se siete in attesa di ricevere dai nostri uffici la proposta di riscatto potete comunque usufruire del beneficio della deducibilità fiscale (art. 13, punto 1, lettera a, decreto legislativo 18 febbraio 2000, n. 47) versando un acconto entro il 31 dicembre (data di esecuzione del bonifico).

Tuttavia, per facilitare la gestione della pratica è consigliabile fare il pagamento alcuni giorni prima (preferibilmente entro il 15 dicembre). Se, invece, non avete ancora presentato domanda di riscatto e volete pagare un acconto per beneficiare degli sgravi fiscali, dovete preliminarmente richiedere il riscatto compilando il modulo che trovate nella sezione “Modulistica” del sito della Fondazione. Per visualizzare i moduli cliccare qui

 

VERSAMENTO AGGIUNTIVO

Chi sta già pagando un riscatto può fare un versamento aggiuntivo, oltre la rata ordinaria di dicembre, nei limiti del debito residuo, entro il 31 dicembre (data di esecuzione del bonifico).

È consigliabile comunque fare il pagamento alcuni giorni prima (preferibilmente entro il 15 dicembre). Il bonifico va fatto sul conto corrente intestato a

Fondazione Enpam presso la Banca popolare di Sondrio, Agenzia 11 di Roma,

Codice Iban: IT06 K 05696 03200 000017500X50.

Attenzione: questo numero di conto può essere utilizzato solo per i riscatti (non devono essere versati qui altri tipi di contributi Enpam).

Nella causale di versamento è necessario indicare cognome e nome dell’iscritto, codice Enpam, tipo di riscatto, fondo sul quale è stato chiesto il riscatto.

Esempio di causale: “Mario Rossi – 123456789A – Riscatto di laurea – Fondo di medicina generale”.

Attenzione: la copia della ricevuta del pagamento dovrà essere inviata al servizio Riscatti e ricongiunzioni tramite fax al numero 06 48294978.

È anche possibile inviare per email (all’indirizzo: unatantum.riscatti@enpam. it) la copia scannerizzata della ricevuta oppure, se avete utilizzato una banca online, il messaggio di conferma del bonifico

 

I RISCATTI RESTANO DEDUCIBILI

La legge di stabilità non ha inciso sulla convenienza dei riscatti e delle ricongiunzioni: i contributi previdenziali obbligatori e facoltativi versati a enti come l’Enpam non sono stati infatti mai inseriti, nemmeno a livello di proposta, tra gli oneri soggetti a franchigie o tetti sulle detrazioni o deduzioni.

data pubblicazione : 29/11/2012