Due nuovi investimenti immobiliari a Roma

Il portafoglio immobiliare di Enpam si arricchisce di due nuovi stabili a uso direzionale. I due palazzi, situati a Roma, sono stati acquisiti dal Fondo Antirion Global, di cui la Fondazione è quotista unico, gestito da Antirion Sgr. Le entrate legate agli spazi affittati serviranno così, in maniera indiretta, a pagare le pensioni dei medici e dei dentisti.

Il precedente proprietario era Bnl Bnp Paribas e l’operazione ha un valore di circa 270 milioni di euro.

Un immobile si trova in piazza dell’Agricoltura 24, all’accesso del business district dell’Eur.

Il palazzo conta sette piani fuori terra e due piani interrati, per una superficie totale lorda di quasi 42mila metri quadri. L’immobile è di classe A, prossimo alla certificazione “Leed Gold” che attesta un elevato livello di sostenibilità ambientale, ed è locato interamente al gruppo Engineering che ha oltre 50 sedi in Europa e in Sud America.

L’altra struttura è in via Lombardia 31, nelle immediate vicinanze di via Veneto, piazza di Spagna e Villa Borghese. Anche questo immobile, di circa 22.500 metri quadri, è in classe A e al termine della ristrutturazione già in corso otterrà la certificazione Leed.

Nella seconda metà del 2019 verrà consegnato a Ernst & Young, multinazionale della consulenza aziendale, che lo occuperà completamente e vi installerà la sua sede romana.

“Questo investimento conferma la nostra strategia che punta alla diversificazione geografica e alla prospettiva di lungo periodo. Gli immobili che abbiamo acquisito hanno tenant di profilo internazionale e sono nelle zone più liquide e attraenti della Capitale. Roma continua a essere un’importante capitale europea, interessante per i grandi gruppi nazionali e internazionali e presenta ancora una disponibilità di prodotto di alta qualità e visibilità. Infine, siamo particolarmente lieti di rafforzare la nostra collaborazione con EY che è nostro tenant anche a Milano in via Meravigli”, ha commentato Ofer Arbib, amministratore delegato di Antirion Sgr.

Redazione

data pubblicazione : 30/01/2019