LTC – Long Term Care

Gli iscritti attivi sono coperti dal rischio non autosufficienza con un assegno di 1035 euro al mese da aggiungere alle tutele già previste dall’Enpam e a ogni altro eventuale reddito. L’adesione alla polizza è automatica e non richiede alcun esborso per medici e odontoiatri.

La polizza è erogata attraverso Emapi (Ente di Mutua Assistenza per i Professionisti Italiani), associazione riconosciuta senza scopo di lucro costituita da dieci enti privati di previdenza tra cui l’Enpam.

 

Requisiti

Copertura aggiuntiva volontaria

Contatti

 

Requisiti

Sono coperti dalla polizza gli iscritti e pensionati in attività che al 1° agosto 2016 non avevano compiuto 70 anni e non avevano già in atto condizioni di non autosufficienza.

Non autosufficienza
Basta che manchino 3 su 6 Adl (Activities of Daily Life: e cioè: lavarsi, vestirsi, nutrirsi, andare in bagno, mobilità, spostarsi).
Le patologie come il morbo di Parkinson e di Alzheimer sono ricomprese, a condizione che non siano già insorte prima del momento di attivazione della copertura (il 1° agosto 2016).

Patologie pregresse
Non è motivo di esclusione la presenza alla data del 1° agosto 2016 di patologie pregresse o difetti fisici, che in futuro possano dare origine a condizioni di non autosufficienza, né la presenza di patologie mentali di origine non organica, atti di autolesionismo e tentativi di suicidio.

[torna in alto]

 

Copertura aggiuntiva volontaria

Chi è interessato a garantirsi una rendita maggiore potrà fare richiesta a partire da febbraio 2017. In questo caso dovrà versare un contributo aggiuntivo, detraibile dalle tasse. Il contributo varia in funzione dell’età e dell’incremento che si vuole ottenere (360 o 600 euro in più rispetto all’assegno normale).
L’adesione alla copertura volontaria aggiuntiva è subordinata alla compilazione di un questionario sanitario e all’accettazione dell’adesione da parte della Compagnia di assicurazione.

[torna in alto]

 

Contatti

Per informazioni:
email assistenza.ltc@emapi.it;
tel. 848.881166; 06.44250196 (distretto di Roma e telefoni cellulari)
(orari: dal lunedì al venerdì dalle 9.30-12.30 e dalle 15.00 -16.30)

[torna in alto]

 







Pagina sperimentale. Fanno fede le informazioni contenute nella sezione Riferimenti normativi.
Per segnalare errori o inviare suggerimenti è possibile compilare il seguente modulo:



I commenti verranno presi in carico dalla Redazione ma non riceveranno risposta.